29. ottobre 2015

SOCIALITY BARBIE: LA PARODIA SU INSTAGRAM

Questa mattina, mentre curiosavo su Instagram tra un #hashtag e un like, ho fatto una delle scoperte più divertenti e inaspettate che potessi fare!

Si chiama Socality Barbie (@socialitybarbie) e si tratta in sostanza di un profilo-parodia che prende in giro tutti i luoghi comuni di Instagram e i suoi stereotipi fotografici, fashion blogger e hipster compresi. Bene, volete sapere in che modo Barbie si prende gioco e sbeffeggia tutta questa fashion-socialità? Con foto, hashtag e didascalie che fanno troppo ridere!

Seguire per credere… e vederete come la bambola delle bambole con grandi occhialoni neri e ben acconciata, pubblica selfies sulle bianche spiagge ventose, lungo sentieri di montagna, durante i viaggi, nei bar più ‘in’ mentre fa colazione… o semplicemente scatti che ritraggono scarpe appena acquistate e l’abbigliamento del giorno. Foto banali e pose banali accompagnate da didascalie che sembrano colte e poetiche, ma che in realtà sono assolutamente vuote di senso e piene di ironia.

Barbie, evidentemente stanca, prende di mira tutto questo ‘conformismo egocentrico’ estremizzandolo al punto di trasformarlo in parodia… e vi assicuro che ci riesce davvero molto bene!

Ma chi c’è dietro a questo irriverente profilo? Come rivelato dalla rivista online Wired.com, pare che la casa di produzione della nota bambola non sia in alcun modo coinvolta; l’idea è infatti di una fotografa specializzata in matrimoni dell’Oregon, che preferisce non svelarsi per conservare l’autenticità di ‘Socality Barbie’. Tuttavia, intervistata dalla versione online del magazine, ha spiegato che il suo obiettivo è quello di dissacrare l’omologazione stuzzicando e provocando gli stereotipi con quegli scatti che ridicolizzano questo modo quasi ossessivo di essere social.

‘”Le persone si fotografano tutte negli stessi posti e scrivono come didascalia tutti le stesse cose. Non riuscivo a comprenderne il senso, così ho pensato: quale miglior modo per comunicare il mio punto di vista se non con la bambola più popolare di tutte?”. Il suo account è nato nel momento in cui si è accorta che sempre più persone utilizzano per accompagnare le loro foto l’hashtag #liveauthentic… quando in realtà di autentico c’è ben poco.

Lo scopo di questa pagina è insomma quello di dimostrare a chi passa la propria giornata a immortalarla e condividerla sui social, che la propria vita in realtà non è tanto più vera di quella di una bambola se vissuta in questo modo. E considerando che il progetto ha solo tre mesi di vita e conta già quasi un milione e mezzo di follower, credo abbia centrato perfettamente l’obiettivo!


tutti gli articoli

tutti gli articoli sull'argomento STORIES

scrivi un commento

* campo obbligatorio

*