11. aprile 2014

LA RUBRICA DI BELLEZZA DI BRIGITTA CAVEGN: SVELIAMO I RIMEDI DELLA CELLULITE

La cellulite può essere debellata in vari modi; iniziamo dalle misure che possiamo implementare immediatamente e che dipendono dal nostro impegno e motivazione, ossia la riduzione della parte grassa e il rinforzo del tessuto connettivo.

La prima è il contenimento del peso attraverso una dieta molto equilibrata, evitando l’effetto yo-yo (in dietologia fa riferimento alla perdita e riacquisizione del peso corporeo in seguito a una dieta e in maniera veloce): è essenziale bere molta acqua, mangiare verdura e frutta, ossia assumere proteine vegetali. Sul lato delle rinunce: il caffè, che costringe i vasi sanguini e rallenta la microcircolazione (come abbiamo visto nell’articolo precedente è la causa madre di questo fastidioso inestetismo cutaneo), l’alcol, che si trasforma in zuccheri e si deposita come grasso, lo zucchero e il sale diretto, che causa la ritenzione idrica. Ricordiamoci che la cellulite genera cellulite!

La seconda, anch’essa attuabile subito, è la pratica dello sport. Il movimento attivo, infatti, decongestiona i tessuti e aumenta la circolazione. Inoltre è innegabile che i muscoli disegnano una silhouette più attraente rispetto al grasso, no? Allora Non aspettate altro tempo: inforcate la bicicletta, seguite un corso di yoga, andate a nuotare o seguite il richiamo della montagna e della campagna e camminate a ritmo sostenuto!

Chi fuma, invece, dovrebbe pensare a ridurre il numero di sigarette o a smettere del tutto, poiché la nicotina restringe i vasi sanguigni e peggiora di conseguenza la microcircolazione. Evitate lo stress, poiché incide sul metabolismo, libera il cortisolo nel corpo, ormone che causa ritenzione. Come dermatologa devo ricordarvi infine la protezione solare, poiché i raggi UV danneggiano le fibre elastiche e rendono il tessuto connettivo meno sodo.

Queste misure sono davvero efficaci e sono tutte nelle vostre mani!

Poi ci sono una serie di altre misure, quali le creme contro la cellulite che hanno l’effetto di rassodare la cute: se applicate con pressione, attivano la circolazione e decongestionano i tessuti.

La carnitina, la caffeina, la teofillina e la teobromina sembrano aumentare la lipolisi. Il peeling, per esempio,affina la struttura della pelle, ma non incide in profondità.

Vi sono poi numerose tecniche realizzate con apparecchiature all’avanguardia l’endermologia è una tra queste, e non è altro che una stimolazione meccanica del tessuto. Altre invece combinano la componente meccanica con la radiofrequenza bipolare (RF) e i raggi infrarossi (IR).

La maggior parte di questi trattamenti migliora sì la cellulite, ma solo temporaneamente. Abbiamo poi L’AWT (acustic wave therapy), che si avvale di onde acustiche ad alta energia per penetrare in profondità nel tessuto sottocutaneo. La pressione all’interno del tessuto stimola la microcircolazione e il flusso linfatico, riducendo l’edema e aumentando la lipolisi naturale. La Cellulaze, infine, è una tecnologia laser basata su un approccio tridimensionale che scioglie il tessuto grasso. Dagli studi, ancorché su pochi pazienti, emerge una riduzione visibile della cellulite su 12 mesi dopo un unico trattamento.

Da quanto avrete capito, insomma, il miglioramento della circolazione sembra essere la misura più efficace sul lungo termine.

 

Articolo scritto da Dr Brigitta Cavegn, dermatologa B SAND


 La dottoressa svizzera Brigitta Cavegn si è specializzata in dermatologia e venereologia a Zurigo e in dermatopatologia alle università di Philadelphia e New York. Nel 1996, a Mendrisio, apre il suo studio di dermatologia, specializzandosi ulteriormente in medicina estetica.
Dall'esperienza e dalla passione di Brigitta nasce B SAND, The Swiss Power Peeling, una cura di base premiata a livello internazionale, in esclusiva in Italia presso Douglas Profumerie.
Il contenuto di questo blog è divulgativo e non può essere considerato un sostitutivo di una consultazione medica specialistica. Le indicazioni e i consigli dell'esperta  non implicano nessun tipo di responsabilità e non possono essere considerate delle prescrizioni mediche in senso stretto.

 


tutti gli articoli

tutti gli articoli sull'argomento BEAUTY

scrivi un commento

* campo obbligatorio

*